Los Realejos

Il comune di Los Realejos è situato nel nord di Tenerife e precisamente tra i comuni di Puerto de la Cruz e quello di San Juan de la Rambla, si trova nella Valle di La Orotava ed ha un’estensione di di circa 57,09 km² con un’altitudine che tocca i 420 mt sopra il livello del mare.

Il nucleo abitativo principale è Los Realejos (composto da tre zone: Realejo Alto, San Agustín e Realejo Bajo), ma troviamo anche altri nuclei abitativi come Toscal-Longuera, La Santa Croce, Tigaiga, Palo Blanco o Icod El Alto.

Los Realejos vanta un paesaggio naturalistico tra i più belli dell’isola con una varietà di ecosistemi e di vegetazione e zone protette da leggi per la tutela ambientale come ad esempio: il Parco Nazionale del Teide, le aree protette di Los Campeches, Tigaiga y Ruiz e della Rambla de Castro, il Parco Naturale della Corona Forestale.

La storia della nascita di Los Realejos è molto importante per Tenerife poiché è qui che avvenne la resa dei Guanche menceyes e la definitiva incorporazione delle Isole Canarie alla Corona di Castiglia.

Cosa vedere nel comune di Los Realejos

Questo comune è molto vario e sono davvero molteplici le cose interessanti da visitare poiché vanta un patrimonio storico-artistico composto da chiese, haciendas ed edifici di notevole importanza.

Los Realejos
Chiesa Madre di Nostra Signora della Concezione – Koppchen, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

Le chiese di questo comune rappresentano una perfetta testimonianza del patrimonio religioso dell’isola, eccone alcune:

  • La Chiesa Madre dell’Apostolo Santiago è monumento storico nazionale e un bene di interesse culturale, costruita in diverse fasi nel corso dei secoli, raggiunge la sua forma attuale nel XVII secolo con tre navate, cappelle e sagrestie, all’interno sono contenute opere d’arte significative come: pale d’altare, sculture lignee e dipinti.
  • La Chiesa Madre di Nostra Signora della Concezione è un monumento di interesse culturale e storico che ha subito ampliamenti nel corso del tempo e una ricostruzione a causa di un incendio riaprendo al culto nel 1993. All’interno, sono presenti pregevoli opere d’arte, come le pale d’altare nelle quali è rappresentata la Vergine degli Afflitti, il Nazareno e San Giovanni.
  • Il Santuario della Madonna del Carmine e la piazza antistante Plaza de San Agustín, sono stati dichiarati Beni di Interesse Culturale nel 2008. La chiesa è stata costruita in seguito a un incendio nel 1952 e aperta per il culto nel 1965, all’interno trovaimo l’immagine di Nuestra Señora del Carmen e nella pizza antistante due importanti edifici: il teatro Cine Realejos e l’edificio di Telefónica.
  • La Chiesa di Santa Croce ha origini che risalgono nel XVII secolo ed ampliata e inaugurata nel 1766, all’interno è custodita la Santa Croce e sculture e dipinti, tra cui l’immagine devota di Nuestra Señora de las Mercedes e due tele barocche del Cristo Morto e Santo Domingo de Guzmán.

Haciendas e Case di Los Realejos

Los Realejos
Los Realejos – Vincent van Zeijst, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Nelle zone interne e sulla costa ci sono bellissime haciendas appartenenti un tempo alla borghesia agraria:

  • Hacienda de Los Príncipes, dichiarato Bene di Interesse Culturale nel 2009, fù fondata da Alonso Fernández de Lugo dopo la conquista di Tenerife e costituisce uno degli elementi più rappresentativi del patrimonio civile di Los Realejos, non solo per la sua importanza storica nel contesto dell’evoluzione socioeconomica del nord di Tenerife, ma anche per il suo interesse architettonico e i suoi bellissimi giardini.
  • Hacienda de Castro, la principale e la più antica delle haciendas della costa, realizzata da Hernando de Castro nei primi anni del XVI secolo, l’edificio attuale è stato principalmente costruito nei secoli XVII e XVIII, con aggiunte successive nel corso del tempo. É circondata da un vasto giardino che si estendeva sul rigoglioso burrone di fronte alla spiaggia di Castro, nota anche come “El Camello”.
  • Hacienda de las Cuatro Ventanas, appartenuta un tempo ad un ramo della famiglia dei Marchesi di Celada, è un hacienda che risale al XVIII secolo.

Nella zona di Realejo Bajo ci sono: Casa in Cantillo de Abajo nº 10, Casa in Calle Ángeles Martín Fuentes nº 4, Casa in Calle Guillermo Camacho nº 9, Casa in Calle La Acequia nº 12.

Ricchezza Naturale

Il comune di Los Realejos vanta una ricchezza naturale straordinaria e per il 50% del suo territorio è protetto da leggi regionali, nazionali, internazionali, europee e mondiali per la tutela ambientale come: il Parco Nazionale del Teide, il Parco Naturale della Corona Forestale, i Paesaggi Protetti di Los Campeches, Tigaiga e Ruiz, il Monumento Naturale Montaña de los Frailes, il sito di Interesse Scientifico Barranco Ruiz, la Rambla de Castro.

La Rambla de Castro

Los Realejos
Antico elevatore idraulico di Gordejuela – Foto di Anastasiya su Unsplash

La Rambla de Castro, è un’area naturale protetta di circa 45 ettari tra le più conosciute di Tenerife, al suo interno è possibile trovare piante uniche come i palmeti delle Canarie e diverse specie di flora endemica protetta.

In questa meravigliosa area naturale ci sono diverse edifici di importanza storica come l’eremo dedicato a San Pedro e l’Hacienda de Castro, la fortezza El Fortín de San Fernando risalente alla fine del XVIII e le rovine dell’antico elevatore idraulico di Gordejuela che serviva ad alimentare d’acqua le coltivazione di Los Realejos.

Oltre al Mirador de San Pedro ci sono: il Mirador de La Grimona, il Mirador de El Lance, il Mirador de la Corona, Plaza de la Unión.

La Rambla de Castro, può essere visitata attraverso un percorso di circa 2 km e senza particolari dislivelli partendo dall’Hotel Maritim e arrivando al belvedere di San Pedro.

Le spiagge e le zone di mare di Los Realejos

Javier1989canario, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

La costa di Los Realejos è alta e rocciosa ma rivela delle spiagge davvero molto belle come:

  • Playa de el Socorro è una spiaggia di sabbia nera vulcanica molto nota tra i surfisti, infatti qui si svolgono numerosi campionati di surf e bodyboard.
  • Playa de Castro è una meravigliosa spiaggia fatta di sabbia nera vulcanica situata in una baia nel mezzo del paesaggio protetto della Rambla de Castro ed è raggiungibile attraverso il Paisaje Protegido de la Rambla de Castro o l’itinerario Rambla de Castro.
  • Playa de La Fajana si trova nelle vicinanze di Playa de Castro e fatta di sabbia nera e ci si arriva sempre attraverso il paesaggio protetto della Rambla de Castro.
  • Playa de Los Roques è anch’essa una spiaggia naturale fatta di sabbia nera e si trova alla fine del Sentiero dell’Acqua di cui parliamo più avanti.
  • Piscinas naturales del Guindaste si trovano nella zona di Punta del Guindaste e sono uno delle straordinarie piscine fatte di roccia che si sono venute a creare a seguito delle diverse eruzioni avventure in passato. Un luogo davvero suggestivo dove fare un bagno e rilassarsi al sole.

Essendo le spiagge indicate naturali non sono protette da alcuna scogliera, dunque le onde e le correnti possono essere a volte di notevole intensità quindi bisogna essere cauti in acqua. Inoltre non c’è possibilità di affittare lettini o ombrelloni.

Il Sendero del Agua

Il Sendero del Agua è il frutto di un’opera di restauro delle antiche vie utilizzate dai pescatori e dagli abitanti locali per raggiungere la costa e progressivamente trasformata nel corso di decenni grazie all’iniziativa del Comune di Los Realejos.

Attraverso questo percorso è possibile esplorare quasi integralmente i confini del Paesaggio Protetto della Rambla de Castro ed ammirare la bellezza costiera del comune di Los Realejos, con le sue spiagge, le insenature e le piscine naturali.

Feste e celebrazioni

Il comune di Los Realejos, è conosciuto anche per la presenza di numerose festività che si svolgono durante tutto l’anno, questi eventi, alcuni dei quali radicati da oltre quattro secoli, sono il risultato dell’entusiasmo collettivo degli abitanti e delle tradizioni culturali.

Il ciclo festivo comincia sin dall’inizio dell’anno e abbraccia diversi eventi come gli enrames delle croci a maggio, la costruzione di un arco di frutta in onore di San Pedro, la processione dei marinai del Porto in onore della Virgen del Carmen e la solenne Settimana Santa.

Il comune di Los Realejos, è uno dei luoghi più interessanti di tutta Tenerife, che vanta una storia importante con tantissimi luoghi da visitare come chiese, edifici storici e tanto altro, il tutto immerso in una natura sconfinata.

Articolo precedente
Articolo successivo

Scopri di più

Playa de las Teresitas

Playa de las Teresitas, situata nel villaggio di San Andrés a circa 7 chilometri...

Playa de Abama

Playa de Abama, situata nel comune di Guia de Isora a Tenerife Sud, è...

Differenze tra il Sud e il Nord di Tenerife

Tenerife, l'isola più grande delle Canarie, è un vero paradiso per gli amanti della...

Musei di Arte Sacra di Tenerife

L'isola di Tenerife è permeata da una profonda religiosità che si intreccia con la...

I parchi tematici di Tenerife Nord

Tenerife, oltre ai grandi parchi tematici del Sud, anche a Tenerife Nord c'è un'offerta...

I parchi tematici di Tenerife Sud

Tenerife Sud, baciata dal sole e con spiagge dorate che si tuffano in un...

10 cose da sapere prima di una vacanza a...

Quando si decide una destinazione per le prossime vacanze si pianifica, immaginando ogni dettaglio,...

Luoghi imperdibili di Tenerife Nord

Tenerife Nord è un territorio ricco di luoghi imperdibili, di contrasti e sfumature, dove...

Centri visitatori del Teide a Tenerife

Nel Parco Nazionale del Teide ci sono diversi centri visitatori che forniscono informazioni, sul...

Luoghi imperdibili di Tenerife Sud

Tenerife Sud, con il suo clima caldo e soleggiato tutto l'anno, è una destinazione...